La Via Crucis

con le immagini

La meditazione dei momenti della passione di Gesù, ci aiuti a comprendere più profondamente i misteri della nostra salvezza. Dio per l’infinito amore che ha per l’intero genere umano la mandato a noi il suo Figlio, perché dalla sua morte e resurrezione ciascuno di noi rinascesse a vita nuova.

 

 

Pilato, presa dell’acqua si lavò le mani davanti alla folla che gridava: “Crocifiggilo, crocifiggilo!!” E disse: “Io non sono responsabile di questo sangue; vedetevela voi.” Poi, dopo aver fatto flagellare Gesù, lo consegnò ai soldati perché fosse crocifisso.

 

“Allora le guardie presero Gesù e lo fecero andare fuori dalla città e gli posero la croce sulle spalle. Così, portando la croce, egli si avviò verso il luogo del Cranio detto Golgota.”

 

“Egli si è caricato le nostre sofferenze, si è addossato i nostri dolori. E noi lo giudicavamo castigato, percosso da Dio e umiliato. Egli è stato trafitto per i nostri delitti, schiacciato per la nostra iniquità.”

 

Quando Gesù era ancora Bambino: “ Nel Tempio di Gerusalemme il vecchio profeta Simeone parlò così a Maria: Egli è qui per la rovina e la risurrezione di molti, segno di contraddizione. E anche a te una spada trafiggerà l’anima.

  

I soldati condussero fuori Gesù per crocifiggerlo. E costrinsero un tale che passava, un certo Simone di Cirene, il quale veniva dalla campagna, a portare la croce.

 

"Il giusto non ha sottratto la faccia agli sputi e agli insulti. Non ha apparenza né bellezza per attirare i nostri sguardi. Disprezzato dagli uomini, è uomo dei dolori che ben conosce il patire."

Gesù ha veramente preso su di sé in nostri peccati e l'iniquità di tutti gli uomini. Su di lui Dio ha addossato il nostro castigo; per le sue piaghe noi siamo stati guariti. Ma ora la sua anima è triste fino alla morte, le sue forze sono venute meno, ed egli cade sotto il peso del dolore.

 

" Lo seguiva una gran folla di popolo e di donne, le quali si battevano il petto e facevano lamenti su di lui. Ma Gesù, voltandosi verso le donne, disse: "Figlie di Gerusalemme, non piangete su di me, ma piangete su voi stesse e sui vostri figli. "

Gesù sale al Calvario come un agnello innocente, che non oppone resistenza a chi gli dà la morte.Lui che non ha fatto torto a nessuno, e non ha mai detto parole di menzogna, porta le colpe di tutta l'umanità e paga per noi peccatori. Ma l'intima tristezza di vedersi abbandonato da tutti, anche dagli amici più cari, è divenuta insopportabile e Gesù, ancora una volta, cade al suolo.

" I soldati presero le sue vesti e ne fecero quattro parti, una per ciascuno. Ma la tunica era tutta d'un pezzo. Perciò dissero tra loro: Non stracciamola. Ma tiriamo a sorte a chi tocca.

 

Lo condussero in un luogo detto Golgota che vuol dire: luogo del cranio. Poi lo crocifissero e divisero le sue vesti, tirandole a sorte. Erano le nove quando lo crocifissero.

 

" Era verso mezzogiorno quando il sole si oscurò e si fece buio su tutta la terra fino alle tre del pomeriggio. Gesù, gridando a gran voce, disse: Padre nelle tue mani consegno il mio spirito. Detto questo spirò."

 

"Tutto è compiuto"

"Veramente era il Figlio di Dio"

"Nicodemo richiede il corpo di Gesù e lo fa scendere dalla croce"

La risurrezione di Gesù

Nicodemo ripone il corpo di Gesù nel sepolcro

Puoi prelevare la guida alla Via Crucis, quella classica, cliccando qui.

Ritorna alla Home Page di Messinagam.it